Stampa

Lasciatela fare

on .

In profondità alla luce della Parola

Lasciatela fare (Gv 12,7)

Questo imperativo di Gesù si riferisce all’episodio che accade nella casa di Lazzaro a Betania, dove Gesù si reca per un momento di conviviale fraternità. Tra lo stupore dei convitati, una donna, Maria, compie un gesto a dir poco sbalorditivo. Cosparge i piedi di Gesù con olio di nardo assai prezioso, forse l’importo di un salario di un intero anno di un lavoratore. L’evento suscita stupore, meraviglia, e perfino irritazione in qualcuno dei presenti: Giuda. Iniziano illazioni, silenziose distanze e un tradimento fatto con le ‘buone maniere’. Uno sperpero inutile, un’ostentata captatio, non ne vale la pena, esagerazione sentimentale. Con quelle risorse si poteva fare di più e di meglio! Si tratta di un alibi. E’ in atto una vera ribellione di fronte alla profezia e al coraggio di testimoniarla. Agli occhi di alcuni, c’è della non ragionevolezza nel gesto di Maria, uno spreco che va contro il buon senso. Talvolta ci si appella a motivi, di per sé buoni, per frustrare la generosità di un dono totale. Ma il linguaggio dell’amore non rispetta sempre i canoni della ragione, dell’utile, del buon senso. L’amore ha bisogno di gesti eccedenti, com’è eccedente l’amore che Dio ha per noi e che Gesù ci ha descritto nelle parabole del padre misericordioso o nel suo incontro con l’adultera.

Il racconto nel suo nucleo è contenuto anche nei Sinottici, con accentuazioni e componenti distinte ma non contrarie. Attraverso una lettura parallele mi piace cogliere la straordinaria vocazione che dietro questo imperativo viene affidato a Maria. «in tutto il mondo, dovunque sarà predicato il vangelo, anche quello che costei ha fatto sarà raccontato, in memoria di lei» (Marco. 14, 9). In quell’imperativo è racchiusa la memoria del futuro di chiunque è capace di osare l’impossibile, di chi sa fare cose sorprendenti per la persona che ama. L’amore vero è di per sé eterno, perché immette e partecipa della natura più autentica del Dio amore.

Il gesto è accompagnato da un commovente silenzio. Maria non proferisce parola, semplicemente opera il dono. Sì il dono la condurrà nella frontiere di quel ricordo che invade la storia, così come il profumo del nardo profumato si diffonde dappertutto. L’amore fa nascere la fantasia della carità, spinge a gesti originali e non sempre immediatamente comprensibili, suscita interrogativi e lascia anche salutari inquietudini. La fantasiosa intraprendenza di Maria, che voleva solo esprime il suo Grazie al Divin Maestro, viene fraintesa e criticata. Lei è la testimonianza e la prefigurazione di una presenza pasquale nella vita di Gesù e dei suoi discepoli. I benpensanti di oggi e di ieri sono soliti presentarsi al Divino solo con la lista di interminabile e monotona richiesta. Si irritano se Dio resta muto, le loro orazioni sono pretese e non intercessioni e soprattutto non sono accompagnate dal dono, Dio resta muto perché noi siamo sordi. Maria si avvicina a Gesù senza chiedere nulla, solo dona, offre preziosissimo olio, compie un gesto di ospitalità ma anche una profezia dell’evento triste della morte. Ogni dono autentico e totale ha sempre una dimensione di profezia.

Quante obiezioni, ispirate da cosiddette buone intenzioni, sono invece dei veri e propri tradimenti, critiche aspre, e quante apparenti pie aspirazioni nascondono il tranello dei doppi fini, di interessi personali, di recondito tornaconto personale. Il dono di un cuore puro e il cammino del discernimento, sono congiunti non solo per scegliere il bene da fare ed il male da evitare, ma aiutano a rispondere con generosità alla propria vocazione.

In quel perentorio «Lasciatela fare!» Gesù prende le difese di una persona debole, forse anche chiacchierata per un passato sopra le righe eppure toccata dalla grazia, perciò la abilita a compiere gesti profetici di carità. Anche a noi Gesù chiede di lasciar fare laddove scorgiamo gesti di generosità che, pur germogliando senza i crismi dell’ortodossia o dell’impeccabilità, mostrano d’inserirsi nel grande alveo dell’amore di Dio e del prossimo.

+ p. Antonio, Vescovo

 

Per visualizzare le altre rifllessioni visita la sezione
IN PROFONDITA'... ALLA LUCE DELLA PAROLA

parola

Stampa

I laici nella missione della Chiesa

on .

E' stato pubblicato sul n. 1/2019 della Rivista di Teologia Asprenas, pubblicazione trimestrale della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale Sezione S. Tommaso d’Aquino - Napoli, l'intervento del prof. Carmine Matarazzo al Seminario di studi per la presentazione della Lettera Pastorale "Ci siamo affaticati e non abbiamo preso nulla" del nostro Vescovo Padre Antonio De Luca.

Riassunto
La recente lettera pastorale di monsignor Antonio De Luca, vescovo di Teggiano-Policastro, è un’occasione per ribadire che la Sacra Scrittura è l’architrave della riflessione teologico-pastorale. Da qui parte il “rinnovato impegno di evangelizzazione nella Chiesa di Teggiano-Policastro”, che riscopre il suo volto missionario di Chiesa “in uscita”. I discepoli-missionari si devono relazionare alla realtà con il confronto e la fiducia nella Parola del Signore. Attraverso un’azione evangelizzatrice “autentica”, si favorisce concretamente la corresponsabilità dei laici nella vita e nella missione della Chiesa universale e delle singole comunità cristiane. Queste ultime, infatti, sono chiamate nel nostro tempo a rivolgere particolare attenzione e cura ai giovani e alle famiglie, non senza sottolineare il rinnovamento e il rinvigorimento dell’iniziazione cristiana.

Scarica il testo I laici nella missione della Chiesa - Asprenas 1/2019

Stampa

Apertura Museo di Policastro periodo pasquale

on .

Il Museo Diocesano della Diocesi di Teggiano-Policastro, apre le porte della collezione di Policastro Bussentino per il periodo della Settimana Santa e per le festività del 25 aprile e del 1° maggio.

L’apertura del museo, collocato sul fianco della cattedrale di Santa Maria Assunta, sarà l’occasione per ammirare alcune opere d’arte sottoposte a recente restauro: una statua della Madonna del Rosario, in legno policromo, del XIX secolo, un mezzo busto ligneo dell’Addolorata, della metà del Settecento, un Ecce Homo in cartapesta, della fine del XVIII secolo ed un Cristo Risorto, sempre in cartapesta, della fine del XIX secolo.

La collezione museale rimarrà aperta in fascia antimeridiana, dalle 10 alle 13, nei giorni festivi del 14, 21, 22, 25 aprile e 1° maggio ed in quella pomeridiana, dei giorni feriali dal 15 al 20 aprile, dalle 16.30 alle 19.30.

L’esposizione bussentina, offre anche la possibilità di un itinerario tematico, sulla Passione, Morte e Resurrezione di Cristo, attraverso le opere d’arte espostevi, tra le quali si segnalano alcuni crocifissi (eburneo del XVII secolo, in argento del 1532), dipinti (un’Addolorata della metà del Settecento), sculture e suppellettili in argento sbalzato e cesellato.

Stampa

Give me Five! Volontariato giovani

on .

In quest'anno pastorale in cui la LAUDATO SI' sta accompagnando i nostri passi, l'Ufficio Diocesano di Pastorale Giovanile e Vocazionale vuole concretizzare l'invito a formare i giovani alla responsabilità sociale, tanto auspicata dall'enciclica.

Partirà, inizialmente nella zona del Vallo di Diano, il progetto GIVE ME FIVE, rivolto ai giovani dai 16 in su. È la proposta di volontariato nelle strutture del nostro territorio, che ospitano anziani, minori non accompagnati, diversamente abili e persone con disturbi psichiatrici.

Si creeranno piccoli gruppi locali di servizio guidati da un tutor. Ogni gruppo potrà scegliere la destinazione e anche la scadenza temporale degli appuntamenti. Il nostro desiderio é che non sia un'esperienza singola, ma che i giovani aderiscano ad una proposta che duri nel tempo. Saranno date loro occasioni per formarsi al servizio e per elaborare un progetto che sia cucito sulle loro capacità.

Giovedì 4 aprile alle ore 19, presso l'Auditorium di Atena Scalo, ci sarà la convocazione di tutti i giovani che desiderano fare questa esperienza. Grazie per la disponibilità e l'accoglienza che vorrete fare della proposta!